Latina +39 0773.665.106 - Roma

Novità Google: arrivano le Accelerated Mobile Pages

21 febbraio 2018

Un aggiornamento di Google permetterà di condividere stories con caricamento veloce grazie alla modalità AMP

Altra novità in casa Google: saranno disponibili le AMP (accelerated mobile pages) stories.

Il colosso Google sforna continuamente novità e miglioramenti per i propri utenti. È notizia di pochi giorni fa, infatti, l’aggiornamento riguardante le AMP (accelerated mobile pages) stories.

Accelerated Mobile Pages (AMP) è un progetto di Google che, come suggerisce già l’acronimo, permette alle pagine web di caricarsi più velocemente da cellulare. Le AMP sono caratterizzate da una saetta come logo e, una volta cliccato il link, la pagina appare all’istante.

Durante la Conferenza AMP del 13 e 14 febbraio 2018 tenutasi ad Amsterdam, Google ha presentato un’innovazione assoluta: le AMP Stories.

ricerca-google-mobile

 

Accelerated Mobile Pages HTML

Questo progetto è basato su AMP HTML, una struttura aperta, costruita e basata su tecnologie esistenti, che permette ai siti di costruire pagine web più leggere e quindi veloci da caricare. Il formato AMP HTML sarà sicuramente adottato in futuro da altri servizi Google, come ad esempio Google News, ad oggi l’azienda sta instaurando dei rapporti con dei partner tecnologici come Twitter, Pinterest, WordPress e Linkedin.

È facilmente intuibile come la novità si ispiri alle storie di Snapchat e Instagram che già sono oltremodo conosciute e utilizzate. Infatti, il funzionamento sarà esattamente lo stesso: contenuti multimediali da cui si può avanzare con un tap sulla parte destra dello schermo e tornare indietro con uno sulla parte sinistra, oltre a dei piccoli segmenti in alto che mostrano a che punto della storia ci si trova.

Le storie di Google, comunque, mescolerebbero il tradizionale articolo di giornale con contenuti come foto, video e animazioni per rendere più interessante la lettura delle notizie, sempre mantenendo il caratteristico caricamento veloce delle pagine AMP.

Ad oggi le Accelerated Mobile Stories  sono ancora in fase sperimentale e i siti web non sono ancora abilitati alla pubblicazione, ad eccezione di alcuni partner che hanno partecipato al progetto: CNN, Wired, The Washington Post, Cosmopolitan, Mashable, SBNation.

In effetti ancora non si sa come le storie verranno integrate da Google, né quando e come potranno essere utilizzate. Quello che però è noto è che per realizzarne una bisognerà partire da zero e non solo adattare un contenuto con testo, foto e video, cosa che probabilmente richiederà del tempo.
Dunque, quasi sicuramente si dovrà aspettare ancora un po’, ma i risultati delle AMP Stories di certo non deluderanno!

Ricordati di lasciare un commento
Mandarino Adv srl - Agenzia di Comunicazione a Roma e Latina / P.I. 02345120592 / Termini e Condizioni - Privacy Policy – Adeguamento al GDPR Cookie Policy