Latina +39 0773.665.106 - Roma

Packaging: importanza, design e nuove normative europee!

10 dicembre 2015

Nuova normativa europea sul packaging

L’evoluzione della bottiglietta più famosa: la Coca Cola!

Vi siete mai chiesti cos’è il Packaging? Tradotto letteralmente significa “imballaggio” e già nell’Ottocento vediamo nascere numerose invenzioni fondamentali per il suo sviluppo, come il cellophane e l’introduzione delle materie plastiche, la scatola di latta e i sacchetti di carta, la macchina per incollare etichette e l’imballaggio in cartoncino. Se, però, inizialmente i prodotti venivano venduti secondo le logiche della fabbrica, senza preoccuparsi dei desideri del consumatore, a partire dalla seconda metà del Novecento, l’industria inizia a rendersi conto che il cliente ha bisogni precisi e che per vendere è necessario imprimere il proprio stile e il proprio “marchio di fabbrica” sul prodotto, attraverso comunicazioni efficaci e allettanti.
Oggi, il packaging, è diventato molto più di un semplice imballaggio che serve a proteggere la merce. È una forma di comunicazione, che vede nella grafica e nell’estetica due elementi necessari nella scelta d’acquisto, e che porta ad un ulteriore sviluppo del packaging: il packaging design. Al giorno d’oggi, dove la concorrenza è spietata, tutti noi siamo più attirati da un prodotto dal design accattivante.

Ecco un esempio di packaging di uno dei brand più famosi di sempre: la Coca Cola.

download

1899. Partiamo dalle origini. La prima bottiglia di Coca Cola viene prodotta a Chattanooga, Tennessee. Il presidente Asa Candler venderà i diritti a un dollaro

 

 

1915-coca-cola-bottle

 

 

 

 

1915. L’ormai nota bottiglietta di Coca-Cola diventa un brevetto registrato presso la Root Glass Company of Terre Haute, Indiana

 

 

 

 

chronology10

 

 

2015. La bottiglia compie 100 anni.

 

 

 

 

Ed ecco alcuni esempi di packaging design della famosissima bottiglietta.

coke-35

Come si intuisce, l’uso creativo di materiali, colori, illustrazioni e caratteri tipografici per la realizzazione di idee di packaging design fuori dall’ordinario rappresenta un’arma potentissima per promuovere al meglio i propri prodotti. Ovviamente per la realizzazione di packaging innovativi bisogna seguire ed essere sempre aggiornati sulle ultime normative europee che riguardano non solo il pack, ma anche l’etichettatura al fine di garantire un’informazione corretta e trasparente.

Vi elenchiamo, dunque, le ultime normative europee stabilite per le etichette ed il packaging.

Altezza dei caratteri. Le informazioni obbligatorie in etichetta devono avere un’altezza di almeno 1,2 mm, riferita alla “x” minuscola (per gli altri caratteri dell’alfabeto, e le lettere maiuscole, cfr. Allegato IV del reg. UE 1169/11). Per le etichette la cui superficie sia inferiore a 80 cm², la “x” può avere un’altezza minima di 0,9mm.

Data di scadenza. L’indicazione “da consumarsi entro” è obbligatoria su ogni singolo preimballo, se pure parte di confezioni “multi-pack”. A partire dal giorno successivo alla scadenza, i prodotti sono considerati a rischio, a prescindere da ogni sua effettiva e concreta valutazione.

Oli e grassi vegetali. L’indicazione generica della categoria non è più sufficiente, bisogna invece precisare la natura specifica degli oli e grassi vegetali impiegati (es. palma, cocco, soia, colza).

Allergeni. Gli ingredienti allergenici devono venire graficamente evidenziati (es. in grassetto, sottolineato) rispetto agli altri, nell’apposita lista. Bisogna evidenziare la parola chiave, es. “latte”, e non l’intera dicitura (nell’esempio, “proteine del latte”). E ripetere la citazione, pur senza replicare l’evidenza grafica, laddove lo stesso allergene sia presente in diversi ingredienti o altre matrici (es. supporto di additivi).

Acqua e ingredienti volatili aggiunti. Devono sempre essere indicati sulle etichette di carni e preparati di carni, prodotti ittici non processati e molluschi bivalvi vivi. Su tali prodotti, quando essi abbiano la parvenza di fetta, filetto o porzione deve riportarsi la dicitura “con acqua aggiunta”, accanto alla denominazione di vendita, quando essa raggiunga o superi il 5%.

Etichettatura nutrizionale. La tabella nutrizionale diverrà obbligatoria per la quasi totalità dei prodotti alimentari, ivi compresi quelli di IV e V gamma, solo a partire dal 14 dicembre del 2016. Ma già adesso le etichette che riportino la tabella nutrizionale – se pure su base facoltativa – devono averla adeguata rispetto al nuovo schema che comprende sette elementi obbligatori. Nell’ordine, valore energetico (in Kjoule e Kcal), grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine, sale (inteso come sodio, da esprimersi in termini di “sale-equivalente”). Le fibre alimentari possono essere inserite prima delle proteine. Divieto assoluto di riportare colesterolo e acidi trans-grassi. I valori devono sempre venire riferiti ai 100g/ml di prodotto ed eventualmente, a titolo volontario, alla porzione.

Alimenti venduti sfusi e i cosiddetti “preincartati”. L’attenzione si focalizza sull’indicazione – inderogabile – della presenza di ingredienti allergenici in ciascuno dei prodotti offerti in vendita. È definitivamente fuori legge il “cartello unico degli ingredienti”, storicamente impiegato negli esercizi di vendita dei prodotti di gastronomia, pasticceria, panetteria, gelateria. Proprio perché un’indicazione generalizzata non è in grado di esprimere, come invece prescritto, il contenuto di allergeni in ogni alimento. Rimane in ogni caso applicabile, e sanzionabile in caso di omissioni, quanto a suo tempo prescritto dal d.lgs. 109/92 all’articolo 16.

Origine. L’indicazione d’origine sarà obbligatoria – a partire dal primo aprile 2015 (reg. UE 1337/2013) – per le carni fresche, refrigerate e congelate, delle specie suina, ovina, caprina e di pollame (inclusi anatre, oche, tacchini, faraone. Esclusi i fegati). L’origine non è invece ancora prevista per le carni equina, di coniglio, lepre e quaglia.

Queste le ultime novità in termini di legislatura europea. Il vostro packaging rispetta le nuove leggi? Niente paura! Noi della Mandarino adv abbiamo ideato per voi il programma “Ready Pack”, per essere sempre un passo avanti ai vostri competitor: qualità, design, realizzazione ad hoc di etichette e pack…e molto altro ancora! Non vi resta che contattarci per saperne di più!

Ricordati di lasciare un commento
Mandarino Adv srl - Agenzia di Comunicazione a Roma e Latina / P.I. 02345120592 / Termini e Condizioni - Privacy
mautic is open source marketing automation