Latina +39 0773.665.106 - Roma

I Millennial e i social media: la generazione connessa.

20 marzo 2017

millennial

I Millennial sono la generazione più tecnologica: una ricerca attesta il loro rapporto con i social network e con il social media marketing. È anche detta la Generazione Y.

Nella nostra realtà sempre più globalizzata, sta diventando molto frequente l’uso della parola “Millennial”. Tale termine, coniato da due studiosi americani, indica la generazione dei nati nel ventennio tra il 1980 e il 2000 che, secondo alcune ricerche condotte, costituisce circa un quarto della popolazione mondiale.

Cosa differenzia i Millennial dalle altre generazioni?

Tratto distintivo di questa categoria è l’essere la prima generazione nella storia che, durante l’età adulta, possiede piena dimestichezza con il digitale. Completamente immersi nella tecnologia, dunque, i Millennial trascorrono la maggior parte del loro tempo connessi, e i numeri parlano chiaro. Da un’indagine relativa ad acquirenti di tutto il mondo, infatti, tra gli utenti che hanno dichiarato di essere online anche durante le file nei negozi, la percentuale maggiore è rappresentata dai Millennial: il 42% del 73% complessivo.

Millennial e social network

Millennials-e-finanza_-1024x622

 

Parlando di tecnologia è impossibile non tirare in ballo i social network. I Millennial sono tra i maggiori utilizzatori di tali piattaforme, pertanto chi si occupa della gestione dei contenuti ha il compito di prestare attenzione alle preferenze del pubblico e, soprattutto, deve essere in grado di presupporre le tendenze future, in modo da non arrivare impreparati e di saper soddisfare appieno i bisogni degli utenti. Ma, ora, passiamo a dare un’occhiata più da vicino ai risultati di un sondaggio condotto da RBC Capital Markets sull’utilizzo dei social tra i Millennial.

Millennial e Facebook

Facebook rimane al primo posto tra tutti i social network. Durante i suoi tredici anni di età ha subito varie trasformazioni importanti e ha visto aumentare in modo esorbitante e molto rapidamente il numero degli iscritti.
Attualmente il social network blu è per la maggior parte popolato da Millennial, i quali nel sondaggio hanno dichiarato che circa il 33% di loro nell’ultimo anno ne ha aumentato l’utilizzo, mentre il 23,5% l’ha diminuito.
Inoltre la ricerca si estende anche al prossimo anno, per il quale si prevede che il 17% dei Millennial aumenterà il tempo su Facebook e, mediamente, il 63,5% lo utilizzerà per un tempo pari a quello dell’anno precedente.

Millennial e Instagram

Negli ultimi tempi la popolarità di Instagram, grazie agli aggiornamenti introdotti, è aumentata fino ad arrivare quasi al pari di Facebook. La media stima infatti che, rispetto all’anno precedente: il 36,5% ne ha aumentato il tempo di utilizzo, per il 40% è rimasto invariato, mentre il 24% l’ha diminuito.

Millennial e Twitter

L’impiego di Twitter è pressoché invariato rispetto allo scorso anno e non si prevedono grandi cambiamenti per il futuro: una media del 65% dei Millennial prevede di trascorrervi lo stesso tempo e solo il 15% di ridurlo.

Millennial e Snapchat

Tra i quattro citati, Snapchat è il social più giovane e i Millennial ne hanno incrementato l’utilizzo di circa il 45,5%. Ciò nonostante, gli aggiornamenti lanciati col tempo non hanno introdotto sostanziali novità e, di conseguenza, il social network risulta praticamente uguale a cinque anni fa.

Social media marketing su misura di Millennial

millennials-in-charge-640x302

Dunque, è ben chiaro che social network e piattaforme come YouTube siano luoghi quotidianamente visitati dai Millennial più volte al giorno. Non è per niente raro, dunque, che abbiano a che fare con il social media marketing. Navigando tra social network e altri siti, infatti, è estremamente facile imbattersi in inserzioni pubblicitarie che, c’è da dirlo, sono molto sofferte dagli utenti. La maggior parte di questi, a tal proposito, guarda l’annuncio solo finché non è possibile saltarlo.
Tuttavia i Millennial non sono del tutto sfavorevoli agli annunci pubblicitari online e gli inserzionisti se ne stanno accorgendo, ma con alcune “condizioni”. Per i social media è fondamentale capire quali siano i gusti e i bisogni degli utenti Millennials e soddisfarli il più possibile; per far sì che si interessino alle campagne proposte, la strategia più efficace è quella di pubblicizzare indirettamente. Infatti l’annuncio pubblicitario per raggiungere il suo scopo, più che risultare tale, deve apparire ai loro occhi come un valido e semplice consiglio.

Insomma, quella dei Millennial è sicuramente una generazione particolare, complessa e con esigenze diverse dalle altre, ma non per questo del tutto irraggiungibile. E noi della MandarinoAdv lo sappiamo bene, d’altronde in agenzia siamo tutti dei Millennial.

E voi cosa ne pensate? Fate parte anche voi della Generazione Y? Siete d’accordo con quanto abbiamo riportato nel nostro articolo? Lasciateci un commento qui sotto!

Ricordati di lasciare un commento
Mandarino Adv srl - Agenzia di Comunicazione a Roma e Latina / P.I. 02345120592 / Termini e Condizioni - Privacy